Log in

Smart Roads, Veicoli Connessi e Mobilità del Futuro

Smart road, veicoli connessi e mobilità del futuro. Partendo dalle strade il Mit lancia la sfida delle infrastrutture digitali
 
 
La trasformazione digitale delle infrastrutture di trasporto rappresenta la possibilità di migliorarne la qualità, la sicurezza, l’utilizzo e di farne strumenti per  generare dati e servizi che agevolino la mobilità di persone e merci, facilitando e semplificando il trasporto. Il rilancio digitale del settore è inoltre  un fattore abilitante della crescita sostenibile, intelligente ed inclusiva del Paese.
 
Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti raccoglie la sfida dell’innovazione digitale e ne fa  un elemento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi infrastrutturali del Paese previsti dal Allegato al DEF 2016 e dal Piano Nazionale ITS. Sta quindi promuovendo un percorso per la corretta evoluzione del processo di digitalizzazione a livello nazionale, con l’obiettivo di guidare il Paese verso la nuova stagione della digital transformation delle infrastrutture.
 
Da una vision a uno standard condiviso con cui rendere smart le strade italiane. E’ questo l’obiettivo dell’incontro del 22 giugno 2016, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,  aperto dal Ministro Graziano Delrio e introdotto da Ennio Cascetta, coordinatore della Struttura Tecnica di Missione, che ha visto la presenza di esperti, stakeholder, operatori. Oltre alla sensibilizzazione sul tema e allo scambio di esperienze, la fase avviata intende, attraverso un processo di stakeholders engagement, giungere entro la fine di luglio all’individuazione degli standard minimi da applicare per la digitalizzazione delle nostre infrastrutture stradali.
 
“Abbiamo dato priorità alle opere utili – ha commentato il Ministro Delrio – ora diciamo che queste opere debbono essere intelligenti. La digitalizzazione rappresenta vantaggi in primo luogo per il monitoraggio e la sicurezza delle opere e per la sicurezza delle persone. Stiamo passando quindi da infrastutture che sono solo materiali a opere che si mettono in dialogo con gli utenti, attraverso strumenti che possono facilmente essere introdotti nei lavori di manutenzione o di realizzazione”.
 
Con un’estensione della rete stradale in Italia pari a 179.024 km, di cui 5.872 di autostrade affidate a 24 concessionarie, e 25.566 chilometri, di cui 937 di autostrade, affidati ad Anas, le infrastrutture stradali rappresentano un asset significativo e strategico per il sistema-Paese. Inoltre sono più di 43 milioni gli autoveicoli circolanti in Italia al 31 gennaio scorso, e le analisi a livello mondiale ci dicono che il parco mezzi è destinato ad aumentare, al 2020 il 90 per cento della popolazione avrà un telefono cellulare, al 2018 il valore del mercato globale dei veicoli connessi sarà di 40 miliardi di euro nel 2018, restando fermo l’obiettivo europeo di riduzione delle emissioni del 20% al 2020. Ne deriva l’esigenza di valorizzare il patrimonio infrastrutturale esistente attraverso l’adeguamento tecnologico.
 
In considerazione degli ingenti investimenti nel settore - la CE per esempio ha stanziato circa € 30 mld fino al 2020 sulle infrastrutture di cui € 6,5 mld per l’Italia -  il MIT sta considerando di vincolare l’erogazione dei finanziamenti all’adozione, da parte dei gestori dell’infrastruttura, di standard tecnologici minimi.
 
Il documento presentato alla discussione è il primo step  e inquadra le Smart Road, come un insieme di infrastrutture stradali che integrano l’innovazione e l’inclusione negli strumenti tradizionali, con l’obiettivo di sostenibilità e migliore qualità del servizio.
 
Si tratta di aggiungere intelligenza alle strade, partendo da sensori, misure e metodi di elaborazione per rendere più estesi, fruibili ed efficienti i sistemi di governo e gestione della circolazione ed i comportamenti di mobilità e di viaggio. Tale intelligenza va costruita da un sistema di acquisizione di informazioni basato su una rete di sensori road-side o altre fonti in grado di raccogliere informazioni e scambiarle sia direttamente.
 
La tecnologia può essere utilmente impiegata in tutte le fasi di vita dell’infrastruttura e dell’esperienza di guida: dai sistemi di infomobilità ai sensori e sistemi di rilievo dello stato delle infrastrutture (ponti, viadotti e gallerie), alle tecnologie di connessione veicolo-infrastruttura in vista della guida automatica. I nuovi strumenti permettono di migliorare l’analisi dei fabbisogni e la valutazione delle opere, rendere più efficaci la pianificazione e la programmazione sia degli interventi di manutenzione che degli investimenti in nuove infrastrutture, garantendo, a costì più bassi, realizzazioni di maggiore qualità, e quindi più durevoli, più sostenibili e più sicure per gli utenti. La tecnologia aumenta inoltre  la possibilità di definire le politiche di trasporto e la gestione dei flussi di traffico.
 
Inoltre, per gli utenti finali, migliora la customer experience sia nello spostamento, sia nell’ integrazione con le attività e i servizi che costituiscono l’obiettivo dello spostamento, attraverso l’interazione digitale con l’infrastruttura. Per le imprese, digitalizzazione delle infrastrutture vuol dire maggiore sicurezza del trasporto e snellimento degli oneri amministrativi. Per tutti, la disponibilità di infrastrutture digitali, cambiano e personalizzano l’esperienza del viaggio.
 
 
APPROFONDIMENTO
Come la digital transformation può cambiare le infrastrutture e il modo di viaggiare.
La digital transformation delle infrastrutture si configura come volano per l’intera economia del
Paese, dal momento che il settore infrastrutturale, per la sua capacità di attrarre investimenti
importanti e di connettere soggetti e settori produttivi diversi, può rappresentare la frontiera
dell’innovazione. In tal senso la digital transformation rappresenta un’enorme occasione per
l’Italia: innanzitutto perché consente di valorizzare l’ingente patrimonio esistente attraverso
interventi di upgrading tecnologico, il cui costo ed i cui tempi di realizzazione sono mediamente
molto più bassi rispetto ad interventi sulle infrastrutture fisiche. In secondo luogo, può favorire
investimenti orientati all’innovazione nella produzione di mezzi di trasporto pubblico,
infrastrutture e sistemi tecnologici - infrastrutture “smart”, sistemi intelligenti di trasporto ITS - e
nella fornitura di servizi innovativi e in linea con le esigenze del mercato, settori in cui l’industria
italiana presenta vere eccellenze.
Le tecnologie digitali, sempre più pervasive, permettono l’interazione e lo scambio di informazioni
tra persone, sistemi, servizi, attori diversi e più in generale “oggetti”, tra cui i veicoli. Ne deriva
l’esigenza di un apparato stradale che si configuri come un insieme di sistemi e servizi per la
mobilità, gestiti e offerti da operatori diversi, in un ambiente integrato, reso possibile da una
architettura aperta e distribuita. In questo senso, le strade intelligenti non potranno che
beneficiare della continua evoluzione tecnologica dei veicoli a guida automatica e della
connessione permanente, valorizzando la rete stradale e creando nuove opportunità di business.
Le strade intelligenti, ovvero sostenibili, di qualità, innovative e inclusive, sfruttano ed indirizzano il
cambiamento trasformando il tradizionale rapporto tra veicoli, guidatori ed ambiente stradale. Le
nuove tecnologie già assistono i guidatori in molti compiti e rappresentano un comodo ausilio per
la sicurezza ed il comfort di guida. La tendenza è di una progressiva sostituzione tecnologica del
ruolo del guidatore quale mediatore tra veicolo e infrastruttura, nonché nel compito di reazione e
controllo rispetto alle informazioni provenienti sia dall’ambiente interno (veicolo) sia
dall’ambiente esterno (strada e traffico).
Lo scenario con “mobility as a service” vedrà l’auto solamente come un mezzo all’interno delle
flotte degli operatori di servizi di mobilità per soddisfare le richieste degli abbonati attraverso
un’offerta di trasporto integrata e pienamente co-modale. I viaggi urbani ed interurbani
avverranno in buona parte su veicoli non di proprietà: cresceranno le auto in sharing e sarà meno
importante la proprietà individuale. Un guidatore userà diversi veicoli in poco tempo ed ogni
veicolo sarà utilizzato da una molteplicità di guidatori. La specializzazione (veicoli urbani,
extraurbani, adatti alla nebbia, con diversi sistemi di rifornimento, ecc.) e l’intensità d’uso, con la
riduzione delle lunghe soste dei veicoli di proprietà, giustificherà il costo di veicoli progettati in
maniera differente e con sofisticati sistemi di bordo.